Aver cura della pelle abbronzata

"Non ti venga in mente di diminuire la tua luce perchè qualcun altro si senta comodo." M. Semilla

aver cura della pelle abbronzata
aver cura della pelle abbronzata

Avere cura della propria pelle è importante, in questa pagina vedremo come avere cura della pelle abbronzata e come abbronzarsi con metodi naturali.

ABBRONZANTE ALLA CAROTA

Centrifugate un paio di carote, bevetene il succo, intanto è di sapore gradevole, e poi è uno straordinario concentrato di vitamine salva-pelle e salva-arterie. Per la nostra abbronzatura utilizziamo la pastella di carota rimasta nella centrifuga: aggiungere uno o due cucchiai di olio d’oliva per ammorbidire, e poi massaggiate il composto su viso e corpo facendo penetrare. Eliminate le eventuali briciole senza sciacquare, ed esponetevi al sole… la carota fa miracoli, ma le raccomandazioni sono quelle di sempre: non esagerate con l’esposizione ed evitate le ore più calde.

Il segreto: sta nel massaggio e funziona a più livelli: mentre la carota tritata opera un delicatissimo peeling, le cellule si nutrono assorbendo il prezioso succo vitaminico; l’olio idrata la pelle e la predispone alla luce solare.

ABBRONZANTE-RINFRESCANTE DA SPIAGGIA

E’ talmente semplice che quasi mi vergogno un po’ a proporlo: si tratta di portare un paio di carote fresche e lavate con voi in spiaggia.

Quando vi sentirete accaldati, tagliatene una fettina e strofinatela immediatamente sulla pelle, non sciacquate, quando la pelle vi sembrerà un po’ appiccicosa, significa che ha assorbito quando basta.

SALVA ABBRONZATURA PANNA/CAROTA

Al ritorno dalle vacanze assistiamo con dispiacere alla nostra bella abbronzatura che scolorisce. Si può rallentare questo procedimento nutrendo la pelle e formandone il colore dorato.

Prendete una carota fresca, frullatela con due cucchiai di panna da cucina fino a creare un composto cremoso. Lasciate macerare in frigorifero per una notte, poi mettete l’impasto in una garza, strizzate bene, tamponate con liquido e impasto su viso e collo, ma anche gambe, braccia, spalle e scollatura saranno ben lieti di questo trattamento vitaminico-colorante.

Il segreto: attenzione questo composto, anche se conservato in frigo, rimane attivo soltanto per tre giorni, dopo di che va ripreparato.

BALSAMO DOPO SOLE AL CETRIOLO

Per quante raccomandazioni si facciano, si torna sempre  a casa dalla spiaggia o dai campi di neve con la pelle arrossata o decisamente scottata dal sole. Il cetriolo, fresco, gradevole e profumato, è un ottimo estintore per alleviare il dolore ed attenuare l’effetto “grigliato” della pelle.

Prendete un cetriolo senza sbucciarlo, mettetelo in frullatore con miele liquido, frullate piuttosto a lungo fino ad ottenere una consistenza pastosa. Stendete questo balsamo sulla pelle arossata, lasciate agire per un quarto d’ora e poi sciacquate senza strofinare.

IMPACCO IDRATANTE AL CETRIOLO

E’ una variante più penetrante ed efficace, del celeberrimo, semplice impacco di fettine di cetriolo.

Sbucciare il cetriolo, passarlo al frullatore senza aggiungere nient’altro. Raccogliete la polpa in un sacchetto di tela, legate l’imboccatura perchè il composto non scappi, e usate un tampone sul viso e sul corpo. Lasciate agire per una ventina di minuti, fino a quando il preziosissimo succo sarà completamente asciugato, dissetando la vostra pelle. Sciacquate con acqua tiepida.

Il segreto: per una propria natura, la polpa del cetriolo è nutriente ed idratante sui tessuti della pelle. Lasciato asciugare, esplica una funzione astringente, rende la pelle turgida e liscia, con un bellissimo aspetto giovanile. Peccato che duri poche ore, ma è di grande effetto prima di un impegno importante…

IMPACCO LIMONE/MIELE PELLI GRASSE

Spesso commettiamo l’errore di trascurare il nutrimento delle pelli grasse. Ci sembra che, proprio perchè sono “grasse”, non abbiano bisogno di essere sostenute. Può accedere invece, che la pelle sia del tutto normale ma che, attraverso i pori vengano espulse sostanze oleose provenienti dall’interno. In questo caso è necessario detergere la pelle per purificarla, e apportare sostanze nutrienti per evitare che col tempo perda elasticità.

Utilizzeremo i preziosi principi vitali del miele e la capacità detergente, tensoria e astringente del limone. Toglierà il lucido alle pelli grasse, ma senza inaridirle, nutrendole a fondo.

Aggiungete a due cucchiai di miele un po’ denso, due cucchiai di limone appena spremuto. Amalgamare bene e stendere sul viso evitando la zona vicino agli occhi. Dieci minuti saranno suficienti, sciacquare con acqua tiepida.

TONICO LEMAERANCIO PER PELLI GRASSE

Azione purificante e rinfrescante per eliminare la lucidità della pelle, soprattutto per pelli impure, danneggiate dall’acne, ecco un tonico da utilizzare non più di due volte per settimana.

Spremere e raccogliere il succo di mezzo limone e mezzo arancio, diluire con 30 grammi acqua di rose. Filtrare attraverso una garza, applicare sul viso picchiettando con un batuffolo di cotone. Lasciare per qualche minuto e, appena comincia a pizzicare sciacquare con acqua tiepida.

Il segreto: il succo degli agrumi si ossida velocemente al contatto con l’aria perdendo la sua efficacia. Il tonico va utilizzato subito, non può essere conservato.

TONICO LEMARANCIO IDROALCOOLICO

Ha un’azione purificante e astringente, rassoda la pelle e la rende compatta. È un toccasana per le pelli grasse ma, la presenza di alcool la sconsiglia in caso di acne molto intesa e per le più robuste pelli maschili.

Ci occorre la scorza di un limone e quella di un arancio, tagliatele a piccoli pezzi, oppure passate velocemente nel frullatore. Se le avete disponibili, aggiungete anche due foglie fresche spezzettate di arancio e due di limone. Se non le avete disponibili va bene comunque. Aggiungere 250 grammi di alcool da liquore. Mettere il composto in un contenitore di vetro a chiusura ermetica.

Chiudere e lasciare macerare per circa 2 settimane agitando di tanto in tanto. Trascorso il termine , filtrare, spremere bene, e aggiungere 100 grammi di olio di mandorle dolci e 150 grammi di acqua di rose. Agitare bene e versare il composto in un nuovo flacone a chiusura ermetica. Per l’uso, tamponare sul viso precedente lavato e nutrito, con un batuffolo di cotone. Può essere utilizzato tutti i giorni dopo la pulizia del viso.

Ricorda di dare un’occhiata anche a questo approfondimento sui minerali!

Per non perdere le nostre novità, per qualsiasi informazione e per partecipare al consiglio degli Oracoli del Venerdì, segui la nostra pagina facebook