Esbat di Febbraio

"Se il passato chiama ancora lascia che risponda la segreteria, tanto non ha nessuna novità da darti." Sconosciuto

esbat di febbraio

Dopo la Luna del Lupo abbiamo l’Esbat di Febbraio, altrimenti detto Luna delle Tempeste o luna del ghiaccio, Luna della fame, Luna veloce o Luna del grande inverno.

Sia che festeggiate in una coven, sia che non lo fate, salutatela in un rituale solitario, o semplicemente soffiatele un bacio.

*Perché luna delle tempeste?*

Diversamente dalle tempeste della metà dell’anno, che sono accompagnate dal luccicchio dei fulmini e dallo scintillare delle saette, le tempeste di Febbraio giungono in silenzio. Loro coprono il mondo con il freddo e mantengono la natura della metà oscura dell’anno.

Ma sotto il mantello della fredda e silenziosa neve, la Natura riposa, così come noi facciamo nel focolare; e come coloro nel mondo degli Spiriti anche la Natura prepara la nuova vita.

*Perchè luna dei ghiacci?*

Il bianco, colore simbolo di questa lunazione, è, in molte culture, un colore con una forte valenza iniziatica. Viene associato, per un motivo o per un altro, ad ogni momento importante della vita, come la nascita, la morte, il matrimonio, il passaggio alla pubertà e così via. Tutto ciò che ha a che fare con un nuovo inizio oppure un cambiamento importante viene associato a questo colore.

La luna gelida ed immacolata dell’esbat di Febbraio è infatti una lunazione che chiama a dar corso al cambiamento: ci si dedica con nuova energia al rinnovo interiore in vista delle fioriture primaverili.

La luna del ghiaccio è vicina al sabbat di Imbolc che ci richiama  temi analoghi: gioia e voglia di vivere, purezza e biancore, infanzia e gioco. Anche il carnevale arriva in questo periodo, giochi e di allegria riportano come pincipio alle potenzialità dell’infanzia o delle gemme che si apprestano a germogliare.

L’energia, rimasta sotterranea durante la luna del lupo, adesso si sposta verso la superficie: è il momento della purificazione, alla quale seguirà la crescita.

La prima fase del cambiamento da affrontare durante l’ebat di Febbraio è di chiudere con ciò che ha già fatto il suo corso; materialmente è quindi un ottimo momento per una bella cernita di cose che non abbiamo ancora avuto il coraggio di buttare. La seconda fase è quella di iniziare ad uscire dal letargo invernale e tornare a convogliare le energie che nell’inverno erano orientate all’introspezione verso l’esterno, cominciando a guardarsi intorno.

Ma è soprattutto un ottimo periodo per la purificazione di sé stessi, del proprio corpo, del proprio spirito e della propria mente. Una purificazione che ora, in vista della primavera, non è più una caccia alle negatività (che dovremmo aver già abbandonato durante il lavoro invernale), ma un prepararsi con entusiasmo al nuovo incontro con il mondo esterno. Parte del lavoro sarà cambiare punto di vista, avendo modi nuovi e più leggeri di approcciarsi a ciò che ci circonda.

L’esbat di Febbraio ci invita a tornare ad amare noi stessi come ci amavamo nella fanciullezza, ad accettare le responsabilità delle scelte che ci hanno portato din qui, perdonarci per gli errori che abbiamo commesso, darci una scrollata e ricominciare a fare progetti per il futuro. È il momento di aprire una pagina bianca dentro noi stessi, da colmare nelle prossime stagioni.

Esploriamo le nostre nuove possibilità e guardiamo a noi stessi con fiducia. I raggi di questa luna ci chiedono di ridere, ballare, correre e scherzare, divertirci come bambini in un prato coperto di neve. Del resto, come abbiamo accennato, sotto questa luna cadono sia il carnevale (la festa della spensieratezza) sia il giorno degli innamorati ( san valentino), entrambe festività con antichissime radici pagane.

In questo clima di leggerezza e sollievo le situazioni confuse trovano nuovi piani di sviluppo: gli ostacoli si incrinano e i nostri progetti diventano possibili. L’umore positivo è il segnale che è tempo di voltare pagina e iniziare un nuovo percorso.

*Cosa fare durante l’Esbat di Febbraio*

Durante il rituale dell’ esbat di Febbraio, accendiamo candele bianche o di cera pura, bruciamo salvia per la purificazione e invochiamo le dee fanciulle, che corrispondono alla falce crescente della luna (queste dee sono iniziatrici di esperienze nella vita). Possiamo qui annoverare le dee giovani, le innamorate, le passionali, quelle in carriera, insomma quelle in cui agiscono forze in espansione.

*Corrispondenze per l’esbat di Febbraio*

Spiriti della natura : fate della casa, la casa stessa e le piante della casa

Erbe : issopo, mirra, salvia, nardo indiano

Colori : blu chiaro, violetto

Fiori : primule

Odori : glicine, valeriana

Pietre : ametista, diaspro

Alberi : sorbo, alloro, cedro

Animali : lontra, unicorno

Divinità : Brigit, Giunone, Kuan Yin, Diana, Demetra, Persefone, Afrodite

Energie : energie che lavorano in superficie; purificazione, crescita, guarigione. Amare se stessi. Accettare le responsabilità dei passati errori, il perdono per se stessi e il fare piani futuri.

Vivi al meglio le energie dell’ Esbat di Febbraio grazie all’olio esoterico per la spiritualità e all’incenso della spiritualità!
Per non perdere le nostre novità, per qualsiasi informazione e usufruire delle offerte del Lunedì, segui la nostra pagina facebook