Badbh il Corvo

[randomfrase]

Badbh il Corvo

Il Badbh, conosciuto anche come Badbh Catha (letteralmente, il corvo della battaglia), è di origine irlandese. I corvi sul campo di battaglia sono presagi di sventura. Attendono la fine della battaglia per banchettare  sui caduti. I corvi sono anche psicopompe tradizionali: gli spiriti del corvo si muovono avanti e indietro tra i regni dei vivi e quelli dei morti.

La dea guerriera irlandese chiamata Badbh è una dea del corvo. Questo nome significa letteralmente “corvo” o “corvo scottante”, ma ha anche l’aggiunta della connotazione “-witch” (strega). Lei è uno spirito misterioso, infatti Badbh potrebbe essere un titolo, non un nome.

È usato come epiteto anche per altre dee guerriere irlandesi come Macha, la Morrigan e Nemain. Il Badbh è  strettamente associato alla Morrigan; alcuni percepiscono infatti Morrigan e Badbh come due nomi per lo stesso spirito. Esso potrebbe anche essere lo stesso spirito della divinità gallica Cathobodua, per il quale ci fu una forte venerazione nell’antico mondo celtico.

Il suo potere sul campo di battaglia è psicologico: ella in realtà non combatte per conto dei devoti, egli, al contrario, terrorizza, intimidisce e confonde i loro nemici con la sua presenza. Il Badbh appare nell’epico ciclo dell’Ulster. Lei è associata all’eroe, Cu Chulain, aiutandolo e incoraggiandolo in diverse occasioni.

Oltre alle sue responsabilità sul campo di battaglia, è associato alla morte e all’Altromondo:

  • Il suo aspetto nella forma di un corvo può essere un presagio di morte.
  • E’ tra quegli spiriti che si manifestano come Rondelle al guado.
  • Talvolta può trovarsi nella casa di Da Derga, l’ ostello dei morti.

*Corrispondenze per il Badbh*

Manifestazioni: può manifestarsi come donna o corvo ed è stata avvistata come un corvo enorme che cavalca un cavallo da battaglia. Se si manifesta come una donna, potrebbe essere potente e bella oppure terrificante. In un mito, appare da Da Derga come una feroce strega coraggiosa in tripla forma (triplicata; tre di lei): nera come un cadavere o un corvo e sanguinante con la bocca su un lato della testa e una corda al collo. Come un uccello si appollaia su una gamba alla soglia dell’ostello. Lei è contemporaneamente morte e vittima sacrificale.

Colore: nero

Uccelli: corvo, cornacchia, corvo scottante

Marito: Neit

Sorelle: Aine, Banbha, Eriu, Fotla e Macha

Vedi anche: Aine; Macha; Morrigan, Rondella al guado

Ricorda di dare un’occhiata anche a questo bellissimo ritratto della Morrighan!

Per non perdere le nostre novità, qualsiasi informazione e usufruire delle offerte del Lunedì, segui la nostra pagina facebook

Carrello
Torna su