Nefti

[randomfrase]

NeftiNefti, Signora della casa; Signora della vita; Signora dell’oscurità; Signora della morte che non è Eterna; Padrona dell’Ovest.

La tranquilla Nefti è messa in ombra dai suoi famoso e appariscenti fratelli: Iside, Osiride e Set, eppure lei è una divinità vitale, significativa e potente.

Nefti è lo spirito della magia, della stregoneria, dell’oscurità, del decadimento, della morte e dell’immortalità. Iside, Nefti, Osiride e Set sono quattro gemelli. Iside e Osiride si innamorarono nel grembo materno e si sono sposati. Nefti e Set erano accoppiati per impostazione predefinita. Set, però, desiderava Iside. Nefti desiderava dare alla luce un bambino, ma Set è uno spirito sterile e arido.

Nefti, in maniera intraprendente, ha quindi concepito con l’inganno: ha sedotto Osiride impersonando Iside e diede alla luce segretamente Anubi. Anche se ha tradito sua sorella e hanno avuto un periodo di allontanamento, alla fine si sono riconciliate. Quando Set uccise Osiride, lei divenne la grande alleata e compagna costante di Iside. Nefti ha condiviso la maternità di Anubi con Iside. Anubi ha inventato il processo di mummificazione, che alla fine ha contribuito a resuscitare Osiride.

Nefti ha anche assistito alla provvisoria rinascita della virilità di Osiride, così che Iside pure potesse concepire un bambino. Si tratta di uno spirito modesto ma determinato. Nessun centro di culto che fosse dedicato solo a lei è stato scoperto, ma condivide i santuari con gli altri, evitando quindi i riflettori. Lei si mette tranquilla a soddisfare i propri desideri. Ha suo figlio, la sua amata sorella, e alla fine ha trovato soddisfazione personale come consorte di Min. Lei è infatti venerato con tutti e tre.

Nefti è uno spirito guardiano, invocato nei riti magici. Potrebbe essere richiesta per la fertilità, soprattutto da parte di coloro a cui è stato assicurato che non avranno mai figli ma desiderano dimostrare agli oppositori che si sbagliano.

Lei custodisce, inoltre, la soglia tra la vita e la morte, la fertilità e la sterilità. L’ Egitto era conosciuto come la Terra Nera e rossa,  con il nero, colore del terreno ricco e fertile, emblematico della vita e dell’abbondanza; e il rosso del deserto, aspro e arido, che sfida la sopravvivenza. In Egitto, la linea di demarcazione tra la terra fertile e il deserto, il nero e il rosso, era visibile. Si potrebbe letteralmente stare in piedi con un piede sopra la terra fertile, l’altro su suolo arido. Lei si trova a cavallo, determina e governa quel confine.

*Corrispondenze per Nefti*

Attributi: teschio e ossa

Colori: nero, rosso

Pianeta: Luna

Uccelli: avvoltoio, corvo, nibbio

Animale: serpente

Vedi anche: Anubi; Horus; Iside; Min; Osiride; Seth

Torna all’ elenco delle divinità egizie per approfondire tutte le altre divinità!

Per non perdere le nostre novità, per qualsiasi informazione e usufruire delle offerte del Lunedi, segui la nostra pagina facebook

Carrello
Torna su