Kami

[randomfrase]

Amaterasu kamiI kami sono gli spiriti indigeni del Giappone e la base della religione shintoista. La parola racchiude un’ampia varietà di esseri spirituali e anche di moltissimi poteri, energie e forze misteriose e mistiche.

C’è un numero infinito di kami. Il testo sacro, il Kojiki dice che ce ne sono otto milioni, ma questo potrebbe essere un numero simbolico, interpretato come il vero significato di innumerevoli (otto è un numero sacro nella cosmologia shintoista).

Questo spirito anima ogni cosa nell’universo. Ci sono quelli di luoghi, città, villaggi, quartieri. Guardati intorno: se puoi vedere qualcosa, probabilmente ha un kami. Ci sono quelli elementali e quelli del bivio. A causa sua tutto nell’intero universo è sacro e animato da una profonda energia mistica, potenzialmente benevola. Dopo la morte, le anime umane possono riemergere come kami. Quelli ancestrali sono venerati nei santuari domestici.

Il nome Shinto, tradotto come Via degli Spiriti, deriva da due parole cinesi: Shen (spirito) e Tao (via). Lo shintoismo non ha un fondatore individuale. Le caratteristiche riconoscibili come religione shintoista possono essere documentate fin dalla tarda era preistorica, dal 300 a.C. circa al 300 d.C. Nel 1871 fu fondato lo Shintoismo come religione di stato del Giappone e la parola Shinto come nome per questo sistema spirituale deriva da questo periodo.

Essi sono divisi in due rami:

  • terrestre (Kunitsukami)
  • celeste (Amatsukami)

Questo può, inoltre, essere usato come titolo onorifico o classificazione per qualsiasi essere sacro e così alcuni spiriti taoisti e buddisti, ora così ben integrati nella spiritualità giapponese, sono l’equivalente del kami onorario, come ad esempio Jizo o Hotei.

Solo sei di loro sono onorati con il titolo Okami (“Grande Kami”). Cinque sono celesti: Amaterasu; Izanagi; Izanami; Michikaeshi e Sashikuni. Solo uno è terrestre: Sarutahiko.

Essi sono tradizionalmente sollecitati per salute, fertilità, successo, prosperità, rendimento scolastico, abbondanza e protezione. In generale, le offerte nazionali sono fatte la mattina presto.

Vi sono anche i Kamui, gli spiriti del popolo Ainu, un gruppo etnico indigeno del Giappone. La parola Kamui è molto simile a Kami e gli spiriti sono simili in natura. Anch’essi sono innumerevoli. Alcuni hanno personalità e nomi distinti e mantengono rapporti con le persone. Altri sono spiriti localizzati e identificati con una terra specifica o con formazioni come alberi e rocce.

Vedi anche: Amaterasu; Amatsumara; Ebisu; Hosogami; Inari; Izanagi; Izanami; Jizo; Kajishin; Kanayago; Kannon; Okame; Sarutahiko; Susano’o; Uzume.

Torna all’ elenco delle divinità giapponesi per approfondire tutte le altre divinità!

Per non perdere le nostre novità, per qualsiasi informazione e usufruire delle offerte del Lunedi, segui la nostra pagina facebook

Carrello
error: Se apprezzi il mio lavoro, condividi, non copiare. Grazie
Torna su