Okiku

[randomfrase]

OkikuOkiku lavorava come domestica nella casa della ricca famiglia Aoyama, la quale aveva un set estremamente prezioso di dieci piatti Delft (ceramiche olandesi). Quando uno di quei piatti si ruppe o scomparve, lei fu accusata del misfatto.

È così annegata in un pozzo. Ogni notte emerge per contare i piatti. “Uno due tre…” intona, fino a nove. Lei non può contare ulteriormente, e così si dissolve in lacrime e lamenti. Questo è il succo del racconto di Okiku, ma ci sono molte versioni:

  • Ha rifiutato le avances sessuali del capo famiglia il quale ha nascosto uno dei piatti, minacciando di accusarla di furto a meno che non avesse fatto sesso con lui. (L’accusa porterebbe la pena di morte.) Disperata, Okiku si gettò nel pozzo.
  • Rompe davvero un piatto e viene gettata nel pozzo come punizione.
  • La moglie di Aoyama rompe il piatto ma incolpa lei che viene quindi gettata nel pozzo.
  • Ha parlato di una ribellione pianificata dai samurai. Quando i ribelli hanno scoperto chi li ha traditi, la torturano prima di gettarla nel pozzo.

A volte il pozzo è uno strumento di tortura oltre che di morte: Okiku è ripetutamente sollevata e abbassata dal suo assassino che gode sadicamente del suo tormento. Il pozzo ora è la sua casa. La storia di Okiku, ritenuta basata su eventi reali, fu drammatizzata per la prima volta nel 1741 ed è diventato un punto fermo del Kabuki. (Il tradizionale gioco Kabuki si chiama Bancho Sarayashiki o “Il piatto rotto a casa Bancho“) . Inoltre, è oggetto di numerosi romanzi e film. Hokusai e Yoshitoshi Tsukioka sono tra gli artisti che hanno creato ritratti di lei.

Il fantasma di Okiku è l’ispirazione per la serie di romanzi e film “The Ring” (e fondamentalmente per l’intero genere horror delle donne fantasma che escono dai pozzi per tormentare i vivi.)

  • Gridare “dieci!” dopo che Okiku conta “nove” ma prima che possa iniziare a lamentarsi, la disarmerà. I rapporti dicono che sparirà sul posto.
  • Nel 1795, il Giappone ha subito un’infestazione di vermi trovati in vecchi pozzi. Il verme,naturalmente ricoperto da fili sottili in modo che sembrasse legato, era soprannominato Okiku Mushi o “insetto di Okiku”. Ed era ampiamente considerato un’incarnazione di Okiku o della sua maledizione.

*Corrispondenze per Okiku*

Siti sacri: diversi siti affermano di essere la posizione del suo pozzo compreso il castello di Himeji, oggi meta turistica dove sono ancora presenti le apparizioni di Okiku.

Vedi anche: Obake; Oiwa; Onryo; Yurei

Torna all’ elenco delle divinità giapponesi per approfondire tutte le altre divinità!

Per non perdere le nostre novità, per qualsiasi informazione e usufruire delle offerte del Lunedi, segui la nostra pagina facebook

Carrello
Torna su