Adone

[randomfrase]

AdoneAdone è uno spirito incredibilmente bello, il cui stesso nome incarna la bellezza del maschio, è il figlio di un albero di mirra. Come fa un albero a partorire un bambino? Vi chiederete.

La spiegazione più evocativa, dato il destino finale di Adone, è che un cinghiale abbia tagliato l’albero che si è aperto, eseguendo così un taglio cesareo con le sue zanne. Afrodite ha salvato il bambino, che era già così radiosamente bello che lo mise in un gioiello chiuso in uno scrigno e lo diede a Persefone perchè lo custodisse nell’Ade. Persefone non potè resistere a sbirciare nella scatola e fu subito colpita.

Adone è quindi cresciuto nel palazzo di Ade. I papiri magici greci lo classificano come una divinità ctonia, uno spirito dei morti, invocato insieme a Persefone, Ermes e Anubi: spiriti in grado di passare indietro e avanti tra i regni della vita e della morte.

Egli è, inoltre, il soggetto di una religione misteriosa, venerato quasi esclusivamente da donne. Informazioni sui suoi riti, al di là dei loro aspetti più pubblici, rimangono un mistero. Quando Afrodite tornò per Adone, Persefone si rifiutò di restituirlo. Il risultato fu una battaglia per la custodia dell’Olimpo. La soluzione ha comportato la divisione dell’anno in terzi: Adone doveva trascorrere quattro mesi con Afrodite; quattro mesi con Persefone; e gli furono concessi quattro mesi per fare ciò che voleva. (La leggenda vuole che spenda quei quattro mesi con Afrodite.)

Adone è divertente, stupendo, un amante divino in ogni senso della frase. È una divinità di piacere. (Alcuni lo percepiscono come un dio maiale; divinità sotto forma di un sensuale, cinghiale appassionato.) Ama amare e ama cacciare. Gli piace passare il tempo con le donne ma è omnisessuale.

Durante la caccia, è stato incornato e castrato da un cinghiale, sanguinante è morto sulle rive del fiume Adonis in Libano. Il fiume, ora chiamato Nahr Ibrahim, divenne rosso per il suo sangue. Il sangue che scorreva sulla Terra si trasformò in windflowers rossi.

La motivazione dietro la sua morte varia. In altre parole, chi ha inviato il cinghiale? Alcuni dicono che la passione di Afrodite per Adone abbia evocato la gelosia di Ares e che lui lo abbia attaccato sotto le spoglie di un cinghiale. Un’altra versione dice che Artemide, irritata da Afrodite, inviò il cinghiale, colpendo la sua rivale attraverso il suo amante. (In alternativa, Adone come cacciatore avrebbe dovuto rendere omaggio ad Artemide, la dea della caccia, e non alla dea dell’amore, così Artemide reagì con rabbia.)

Ancora un’altra versione, suggerisce che Persefone, impaziente per l’accordo di custodia, ha deciso di prendere l’anima di Adone rendendolo un residente permanente dell’Ade. Se Persefone è davvero la colpevole, allora i suoi piani furono sventati. Il messaggio finale del mito di Adone è che un amore così potente trascende e prevale sulla morte.

Nel contesto della mitologia greca classica, Adone è una nota a piè di pagina di Afrodite e il ragazzo-giocattolo di Persefone. Nella vita reale, Adone era un fenicio molto importante, una divinità cananea. Il suo nome è una variante dell’ebraico Adonai e significa “Mio Maestro” (Potrebbe non essere un nome personale ma un titolo. Il suo vero nome potrebbe essere stato rivelato solo agli iniziati della sua tradizione misteriosa.). Essendo nato e ucciso da un cinghiale può aiutare a spiegare i tabù comuni del maiale semitico.

Ogni anno Afrodite guidava le donne in lutto per Adone. Ogni anno il suo fiume scorreva rosso per il suo sangue (la spiegazione scientifica è fornita dal deflusso della terra rossa dalle montagne del Libano). La chiave della sua venerazione è che ogni anno egli è risorto. Come Persefone, entra eternamente nella Morte, solo per tornare vivo.

*Corrispondenze per Adone*

Festa: la sua festa, l’Adonia, è stata celebrata in tutto il Mediterraneo. I dettagli sono ora vaghi, a parte il fatto che è stato diviso in due parti e celebrato esclusivamente da donne: la prima parte era dedicata al lutto; le donne si lamentavano e piangevano sopra le immagini del defunto. La seconda parte ha celebrato la sua risurrezione. Non è chiaro ora se le due parti del festival fossero consecutive o se un intervallo di tempo più lungo le separava. In sostanza, potrebbe avere due feste. Almeno uno dei giorni del festival si è verificato all’inizio dell’estate. Alcuni teorizzano che sia morto vicino al solstizio d’estate ed è stato resuscitato all’equinozio di primavera. Durante il festival, le donne si radunavano sui tetti di notte, bevendo e cantando. Hanno piantato i giardini di Adone: semi a germinazione rapida piantati in contenitori poco profondi, anche frammenti di argilla. I piccoli giardini venivano irrigati quotidianamente, stimolando una rapida crescita. All’ ottavo giorno, i Giardini di Adone, mai più che germogli, furono gettati in mare con immagini di Adone, a conclusione del festival. L’Adonia, considerato da sempre sovversivo dalle autorità greche e romane, avvenne apertamente nel V secolo, tra le feste pagane più persistenti. La sua è sempre stata una religione misteriosa e quindi era più preparato della maggior parte ad andare sottoterra quando le tradizioni pagane furono bandite. Adone può mentire sotto le maschere di Giovanni Battista e Sant’ Antonio, le cui feste si celebrano anche a giugno.

A lui può essere presentata una petizione nel contesto di sedute spiritiche o di qualsiasi tipo di rituale negromantico in cui si tenta di contattare i morti. Passa facilmente tra i regni e può consegnare messaggi avanti e indietro. È in grado di determinare dove cercare le persone disperse: i regni dei vivi, dei morti o di entrambi. Petizionalo per rivelarti una informazione necessaria.

Fiori: windflowers scarlatti; gli anemoni selvatici (Anemone coronaria) sono nati dal suo sangue; anche le rose di Adone (Adonis vernalis)

Fragranza: Mirra

Altare: Non venerarlo da solo: gli piace la compagnia. Incorporare Afrodite, Persefone, Astarte, Ninfe o altri spiriti sul suo altare.

Giorni sacri: gli può essere presentata una petizione in qualsiasi momento, ma soprattutto all’equinozio di primavera, al Solstizio d’estate, alla vigilia di mezza estate, a Pasqua, nelle feste di Sant’Antonio e Giovanni il Battista.

Offerte: dagli giocattoli sessuali o cose che un cacciatore apprezzerebbe. Offrigli degli afrodisiaci. Servigli arak, l’antica bevanda alcolica. Nutrilo in modo speciale di dolci e pane pasquali. È uno spirito lussureggiante, non ascetico: offri doni sensuali. Non dargli da mangiare carne di maiale.

Vedi anche: Anubi; Afrodite; Ares; Artemis; Astarte; Attis; Spiriti ctonici; Ermete; Mylitta; Myrrha; Osiride; Persefone; Seth; Tammuz

Torna all’ elenco delle divinità greche per approfondire tutte le altre divinità!

Per non perdere le nostre novità, per qualsiasi informazione e usufruire delle offerte del Lunedi, segui la nostra pagina facebook

Carrello
Torna su