Dioniso

DionisoDioniso, il cacciatore di notte, noto anche come Bacco, è popolarmente chiamato il Dio del vino, tuttavia tale classificazione non gli rende giustizia poiché questa potente divinità è molto più di questo:

  • presiede ai Misteri della nascita, della vita, della morte e della risurrezione
  • è lo spirito della natura selvaggia e incontenibile, dell’energia procreativa maschile, dell’ intossicazione, dello sciamanesimo, della magia, della gioia, delle allucinazioni, della follia e della guarigione sessuale.

Era l’ultima delle dodici divinità incorporate nel pantheon olimpico e quindi è solitamente classificato come un “dio greco”, ma si ritiene che sia la sua patria originaria sia la Tracia: la moderna Bulgaria e la Romania affermano entrambe di essere il suo luogo di nascita. Dioniso è stato accettato come un olimpico dal V secolo aEV, ma era noto ai Greci almeno dalla fine dell’età del bronzo.

Egli era originariamente servito solo da donne. Le sue devote erano conosciute come Menadi (Grecia) o Baccanali (Roma). Sebbene anche gli uomini lo servissero, le donne erano leader e iniziatrici nei riti dionisiaci, e alcuni riti erano riservati solo alle donne. La venerazione estatica era parte integrante dei suoi riti. Resistere alla sua chiamata significava rischiare la follia.

Dioniso presiede l’orgeia, letteralmente “riti eseguiti nella foresta” da cui deriva la parola moderna orgia. I suoi devoti danzavano da soli e ballavano finché non entravano in trance. Egli nacque due volte, prima come figlio di Zeus e di sua figlia Persefone. Zeus lo chiamò Zagreus e lo designò suo erede su tutti gli altri suoi figli. Titani gelosi rapirono Zagreus, lo fecero a pezzi e li mangiarono, tutti tranne il suo cuore, che Atena ha salvato. Livido,  Zeus ridusse i Titani in cenere e nacquero gli esseri umani da queste ceneri, quindi tutte le persone condividono l’essenza di Dioniso (Zagreus).

Secondo un mito, Demetra nascose Persefone in una grotta siciliana sorvegliata da due draghi, Zeus scivolò segretamente nella grotta sotto forma di un serpente e sedusse Persefone, che concepì. Una profezia aveva predetto che questo bambino avrebbe governato sugli altri figli di Zeus, e così Era ha inviato i Titani per uccidere il bambino.

I titani hanno sbiancato i loro volti con il gesso in modo che sembrassero provenire dal regno della morte. Attaccando il bambino, lo tagliarono in sette pezzi, fecero bollire la sua carne in un calderone, poi lo hanno arrostito su sette spiedi. (Questo riproduce il sacrificio animale rituale del tempo.) Zeus, attirato nella grotta dal profumo sublime, realizzò la situazione e scagliò i Titani nel Tartaro.

Zeus ha poi preparato una pozione d’amore dal cuore di Zagreus e l’ha data in pasto alla principessa Semele, la quale concepì Dioniso ma morì prima di darlo alla luce. Zeus ha salvato il nascituro rimuovendolo dal corpo di sua madre e cucendolo sulla sua stessa coscia per incubarlo fino a quando fosse stato maturo e pronto per nascere. Dioniso fu quindi nascosto per la sua sicurezza; lui è cresciuto nel deserto della Tracia, nutrito da capre.

Dioniso è stato perseguitato: vari spiriti hanno tentato di impedirgli di raggiungere la piena potenza, in particolare Era, che lo fece impazzire. Kybele lo guarì e poi lo iniziò. Raggiungendo la maturità, Dioniso guidò una carovana attraverso l’Egitto, la costa levantina, Asia e India, accompagnate da una parata di menadi, satiri e pantere. Dovunque

Egli viaggiò e insegnò alla gente varie arti agricole e artigianali, in particolare la viticoltura, la creazione del vino e il superamento dell’opposizione militare, quando necessario. Non è un combattente e di solito non danneggia nessuno direttamente. Invece, li fa diventare temporaneamente pazzi in modo che a volte si facciano del male fatalmente. Egli libera anche dalla follia e cura la malattia mentale. Tra le punizioni che infligge può esserci l’alcolismo. Se propiziato, invece, può guarire e alleviare questo disturbo.

Oltre al vino, Dioniso è associato all’oppio e ai funghi. Le sue feste erano caratterizzate da processioni notturne con musica e festaioli mascherati e in costume. Queste processioni possono essere intese come eserciti di spiriti, animali, musicisti e donne che esultano nella loro sessualità. Dioniso ha, inoltre, il dominio su tutto il teatro e gli spettacoli di danza. È il patrono degli attori. È stato invocato per il successo degli spettacoli e ha presieduto ai concorsi teatrali.

I carri, le maschere, i clown, le danze, l’ubriachezza pubblica e il teatro erotico che caratterizzano i carnevali moderni e le loro sfilate sono discendenti dei rituali dionisiaci.

*Corrispondenze per Dioniso*

Manifestazioni: si manifesta tipicamente nella forma di un uomo, leone, toro o capra. È l’Uomo Verde con le corna, incoronato di serpenti. A volte è descritto come androgino o effeminato con lunghi, bei capelli scuri, mossi o ricci. Lui è vino: bevendo il vino si condivide il sacramento del suo corpo.

Iconografia: a volte è venerato sotto forma di un enorme fallo.

Attributi: Il suo attributo principale era il tirso: una bacchetta (originariamente un gambo di finocchio) sormontato da una pigna; anche piatti, tamburi a cornice e altri strumenti a percussione.

Animali sacri: leopardi e pantere, serpenti, muli, asini, capre e leoni

Monta: cavalca un carro trainato da grifoni.

Piante: vite, edera, noce tcanne, alberi di fico

Colori: viola, vino

Alleati spirituali: vuole essere solo quando ha una sbornia. Lui è uno spirito socievole e amichevole, di solito circondato da un seguito di devoti, animali sacri e altre divinità. I suoi alleati includono:

  • Apollo
  • Demetra e Persefone
  • Ecate
  • Kybele
  • Pan
  • Satiri
  • Semele
  • Sileno

Sito sacro: alla fine divenne l’uguale di Apollo a Delfi, prendendo sopra il santuario in inverno. Era considerato l’opposto di Apollo, rappresentando calda energia estatica piuttosto che il freddo razionalismo di Apollo. Le coste del sud Italia sono presumibilmente tra i suoi luoghi preferiti.

Giorni sacri: la sua devozione una volta dominava gli inverni greci. Ad Atene, è stato onorato da quattro festival:

  • Dionysia (fine novembre / inizio dicembre)
  • Lenea (circa un mese dopo)
  • Anthesteria (fine gennaio)
  • Grande Dionysia (fine febbraio)
  • Il 6 gennaio, oggi celebrato come festa dell’Epifania, era una volta conosciuto come Theodosia (il “dono di Dio”), il giorno in cui l’acqua nel sacro tempio di Dioniso ad Andros, in Grecia, sapeva di vino. Clemente di Alessandria (140-215 d.C.), padre della Chiesa primitiva, scrisse che il 6 gennaio era il compleanno di Dioniso.

Vedi anche: Apollo; Arianna; Bendis; Demetra; Uomo verde; Era; Kybele; Leto; Spiriti olimpici; Persefone; Semele; Shiva; Sileno; Titano; Zemele; Zeus

Torna all’ elenco delle divinità greche per approfondire tutte le altre divinità!

Per non perdere le nostre novità, per qualsiasi informazione e usufruire delle offerte del Lunedi, segui la nostra pagina facebook

Carrello
error: Se apprezzi il mio lavoro, condividi, non copiare. Grazie
Torna su