Ecate

EcateEcate, la più adorabile; Segugio della Luna a tre teste; Colei che è prima del cancello; Portatrice di luce, conosciuta anche come Hekate, ha origine in Asia Minore. E’ regina della notte, dea della stregoneria e tra i sovrani del mondo degli spiriti.

È anche la regina degli incroci: Hekate pattuglia la frontiera tra la vita e la morte. Serve da intermediario tra gli spiriti e gli umani. Possiede la chiave scheletro definitiva: la chiave che apre le porte di tutti i regni.

Sebbene ora per la maggior parte sia associata alla mitologia greca, il suo nome significa “influenza da lontano” riconoscendo le origini straniere di Hekate, proveniente da quella che oggi è la Georgia sul Mar Nero, casa di Medea, la sua più famosa e devota sacerdotessa. (Ecuba, Regina di Troia, è un’altra famosa devota). Una volta, Ecate era la principale divinità della Caria (ora nella Turchia occidentale). I greci la conoscevano come figlia di un Titano e come confidente e ancella di Persefone, Regina dell’ Ade.

Hekate è una dea della vita, della morte, della rigenerazione e della magia. Lei governa la saggezza, le scelte, l’ espiazione, la vittoria, la vendetta e il viaggio. È la testimone di ogni crimine.

  • È invocata per la giustizia, soprattutto per i crimini sessuali contro donne e ragazze
  • viene invocata quando la giustizia non proviene da altri canali
  • ha il potere di esaudire o negare il desiderio di qualsiasi mortale
  • può essere invocata per la protezione dei cani e dai cani
  • può avere una petizione per la fertilità
  • porta la vittoria in battaglia
  • può essere invocata per la guarigione, soprattutto se le soluzioni mediche hanno fallito
  • potrebbe essere richiesto il suo aiuto per avere una morte rapida e indolore
  • può bandire i fantasmi (o produrre un’infestazione di fantasmi).

Ecate è uno spirito eccezionalmente potente. La teogonia di Esiodo la descrive come onorata da Zeus sopra tutti gli altri. Secondo Tomyth, lei una volta ha servito come Angelas, un messaggero per le altre divinità. Ha rubato il balsamo di bellezza di Era per darlo alla sua rivale, Europa.

Era, infuriata, la inseguì e lei fuggì prima nel letto di una partoriente, poi ad un corteo funebre, e infine al lago Acheronte dell’ Ade dove è stata purificata dai Cabeiri. Da questo viaggio ne è emersa più potente che mai, una dea della nascita, della morte e della purificazione.

Governa i passaggi tra i regni della vita e della morte ed è quindi invocata dai negromanti. E’, inoltre, rinomata per la sua esperienza con le piante e la sua conoscenza dei loro poteri magici e curativi. Un famoso giardino magico era attaccato al suo tempio nella Colchide sul Mar Nero, ora nella moderna Georgia.

Alcuni studiosi suggeriscono che un tempo esisteva una corporazione femminile greca, sotto il divino matronato di Ecate, che aveva la responsabilità della raccolta e conservazione di piante visionarie, allucinatorie e velenose. La stessa parola in greco indica “farmacista”, “avvelenatore” e “strega.”

Hekate, solitamente, risponde alle petizioni tramite visioni e sogni. Se ti perdi ad un crocevia, letteralmente o metaforicamente, invoca il suo nome e poi presta attenzione ai segni che ti invierà. Può essere una dea oscura e obliqua: la sua risposta può essere sottile. Guarda se noti i suoi animali: serpenti, draghi, gatti e soprattutto cani.

*Corrispondenze per Ecate*

Persone preferite: ostetriche, streghe, guaritori, erboristi, amanti dei cani e soccorritori; è la matrona delle donne in generale e protegge chi va a cavallo.

Manifestazioni:  è una mutaforma suprema: al solito le manifestazioni sono come un cane nero o una donna matura. Può manifestarsi come una vecchia decrepita o una donna elegante e seducente. Ha anche un occasionale manifestazione come sirena. Può portare serpenti tra i capelli. Ogni tanto lei appare come un gatto nero, un serpente o un drago.

Iconografia: è raffigurata con tre corpi, ciascuno di fronte a una diversa direzione. In alternativa, è raffigurata con il corpo di una donna ma tre teste di animali: quelli di un cane, cavallo e leone. Una statua di Ecate dell’VIII secolo a.C. la mostra con le ali, portando un serpente.

Attributi: chiave, torcia, calderone, coltello, scopa

Emblema: stella e falce di luna

Alleati spirituali: può essere venerata insieme ad Artemide, Persefone, Demetra e/o Kybele. Hekate balla nell’entourage di Dioniso.

Animali sacri: serpenti, rospi, draghi, gatti, ma soprattutto cani: ha un legame estremamente potente con i cani, anche quando si manifesta in forma umana, di solito è accompagnata da una coppia di cani. Se appare senza cani, può circolare in modo canino. In qualche modo ci sarà un riferimento canino.

Uccello: cicogna

Cavalcatura: i draghi trainano il suo carro.

Colore: nero

Numero: 3

Corpi celesti: stella Sirio; la luna, specialmente la fase della luna nuova

Piante: aglio, lavanda, mandragora, henné

Alberi: Melograno; pioppo nero; palma da dattero; tasso

Sito sacro: incrocio a tre vie o a forma di T; Hekate era una dea con un culto organizzato. Oltre a Caria e Colchide, aveva santuari ad Aigina e Lagina e un boschetto sul colle Aventino. È la dea matrona e guardiana della città di Istanbul (precedentemente chiamata Bisanzio e Costantinopoli). Si dice che lei abbia salvato quella città dall’attacco del re Filippo II di Macedonia nel 304 BCE.

Le sue forze hanno tentato di attaccare segretamente durante una luna oscura, ma Hekate ha acceso una falce di luna, creando abbastanza luce per i bizantini da far vedere loro il pericolo e salvarsi. In segno di gratitudine, hanno iniziato a usare i suoi simboli (stella e mezzaluna) sulle loro monete. L’immagine appare ancora sulla bandiera turca. L’immagine precede l’Islam ed era l’emblema ufficiale dei greci bizantini.

Ora: La notte è il momento giusto per Ecate: accetta solo offerte e petizioni di notte. Tutte le feste, i rituali e le cerimonie in suo onore si svolgono dopo il tramonto. L’unica illuminazione accettabile sono candele o torce.

Date sacre: l’ultimo giorno di ogni mese è dedicato a lei.

  • In Italia, Hekate ha condiviso un festival con Diana il 13 agosto.
  • Un venerdì 13 agosto è particolarmente sacro.
  • Il 16 novembre è la sua notte per i moderni Wiccan e Neo-Pagani.

Rituali: gli antichi devoti tenevano cene in suo onore in cui venivano preparati cibi a lei associati. L’antipasto era solitamente di pesce, soprattutto triglie rosse. I devoti banchettavano e festeggiavano. Le offerte e gli avanzi erano posti fuori dalla porta o all’incrocio per Ecate e i suoi cani.

In passato, i cinici si facevano beffe del fatto che il cibo venisse messo fuori, poichè veniva mangiato non dalla Dea o dai suoi animali, ma non si rendevano conto che questo è il suo intento: questo è il modo in cui lei accetta offerte. Anche offerte private più piccole possono essere lasciate a un bivio:

  1. Metti le offerte su un piatto o su una pietra piatta e lasciale a un incrocio dopo il tramonto.
  2. Fai la tua invocazione e poi vai via senza voltarti indietro.
  3. Non tornare per il piatto, ma consideralo parte dell’offerta. (In altre parole, non usare un piatto che desideri tenere).
  4. Incontrare o sentire un cane è un’ indicazione che la tua petizione è stata ascoltata.

Offerte: uova, aglio e miele (soprattutto miele di lavanda); croissant, pani e pasticcini a forma di mezzaluna; candele; incenso; immagini di cani, in particolare cani neri; azioni per conto dei cani

Vedi anche: Artemide; Cabeiri; Demetra; Diana; Dioniso; Europa; Ade; Heket; Helios; Hera; Kybele; Medea; Pasipbae; Persefone; Titano; Zeus

Torna all’ elenco delle divinità greche per approfondire tutte le altre divinità!

Per non perdere le nostre novità, per qualsiasi informazione e usufruire delle offerte del Lunedi, segui la nostra pagina facebook

Carrello
Torna su