Alakshmi

[randomfrase]

AlakshmiAlakshmi, nota anche come Jyestha è detta la migliore; la maggiore; la primo; la moglie anziana.

Secondo la storia ufficiale Lakshmi è lo spirito della gioia, della ricchezza, della fertilità, della felicità e dell’ abbondanza, mentre Alakshmi è sua sorella maggiore, il suo alter ego, compagna e antitesi. Lei, infatti, porta l’opposto di quanto portato da Lakshmi: povertà, infelicità e sterilità. Gelosia e invidia seguono la sua scia.

Secondo una storia alternativa, invece, Alakshmi è antecedente a Lakshmi nell’India meridionale e fino a IX secolo d.C. era una divinità molto popolare e amata. Nascosta nell’ufficialità, la storia potrebbe essere una protesta contro la dominazione ariana dell’India meridionale. Così come la fortuna e la fama di Lakshmi aumentarono, quelle di Alakshmi diminuirono. La sua immagine è ora tenuta nascosta in un angolo, ammesso che sia conservata, rivolta verso il muro o verso il basso per non attrarre sfortuna, povertà e morte. Eppure si raccomanda ancora alle mogli di propiziarla nel quotidiano.

La leggenda indù dice che Alakshmi vestiva di rosa rossa e di schiuma del mare prima che Lakshmi emergesse. I suoi capelli sono arruffati come quelli di un asceta (o nel contesto di cultura tradizionale indù, alla maniera di una donna disinteressata a compiacere un uomo). Le sue guance sono infossate e i suoi seni sono avvizziti.

Mentre Lakshmi ha sposato Vishnu; Alakshmi fu data in sposa ad un asceta brahmano. Non si trattava di una buona unione, i suoni e le immagini del culto vedico gravarono così tanto su Alakshmi che lei si rifiutò di accompagnarlo nella foresta in cui lui  desiderava vivere, dedicandosi completamente alla spiritualità. Arrabbiato per il suo rifiuto, quindi, egli abbandonò Alakshmi in un luogo dove c’erano spiriti locali (non vedici) venerati e rituali praticati da eretici, ordinandole di mantenersi grazie alle offerte delle donne devote e di stare lontano dai luoghi in cui vivono i brahmani e pregare.

  • Propizia Alakshmi se soffri a causa di disgrazie e conflitti e desideri che lei le rimuova.
  • Uomini che desiderano mogli e figli prosperi, dovrebbero onorarla per ingraziarsela.
  • Le donne le chiedono fertilità e protezione.
  • I commercianti legano offerte di limoni e peperoncini verdi fuori dai loro negozi per, contemporaneamente, propiziare Alakshmi e impedirle di entrare nel loro negozio.

Capisco che sia un pò controproducente la situazione: se non le fai una petizione, potrebbe darti quello che non vuoi. Tuttavia, Alakshmi è anche rinomata per rimuovere gli ostacoli dai sentieri dei propri devoti.

*Corrispondenze per Alakshmi*

Manifestazioni: se Lakshmi è l’epitome della bellezza, allora Alakshmi è il suo opposto. Le descrizioni del suo aspetto variano, a seconda della persona che comunque la percepisce come poco attraente. A volte viene descritta come “faccia da elefante”.

Iconografia: una donna grossa, robusta e semplice, vestita con indumenti rosso o blu-nero, seduta su una sedia o un trono. La sua iconografia smentisce la sua leggenda: sebbene non sia di una bellezza seducente, non è orribile da guardare. Può tenere una mano con il gesto del mudra per dissipare la paura e offrire protezione; indossa una corona ingioiellata; e mostra un segno tilaka rosso sulla fronte che indica che è sposata.

Attributi: scopa; pentola d’acqua

Fiore: loto

Cavalcature: asino

Uccelli: un corvo o un gufo, percepito come uccello della sfortuna. Lakshmi è spesso raffigurata con un gufo in bilico vicino: quel gufo è Alakshmi.

Colori: rosso, nero

Metallo: ferro

Offerte: si consiglia alle donne che desiderano figli, nipoti e ricchezza di nutrire Alakshmi ogni giorno, offrendole le offerte del proprio pasto dopo che si sono nutriti i loro mariti, ma prima che loro stesse abbiano mangiato. Preferisce cibi acidi, pungenti e astringenti.

Vedi anche: Lakshmi; Manasa; Sita; Vishnu

Torna all’ elenco delle divinità induiste per approfondire tutte le altre divinità!

Per non perdere le nostre novità, per qualsiasi informazione e usufruire delle offerte del Lunedi, segui la nostra pagina facebook

Carrello
Torna su