Jari-Mari

[randomfrase]

Jari-MariJari-Mari è uno spirito ardente di febbre. È associata a tutte le malattie che caratterizzano le temperature elevate, ma soprattutto il vaiolo, forse perché è il più temuto. La febbre è intesa come un segno di visita dalla dea o addirittura come possesso spirituale.

Non reagire con sgomento, rabbia o dispiacere al suo arrivo. Fa le cose peggio. L’obiettivo non è quello di inimicarla, ma di placarla e propiziarla. Se viene sfidata, i risultati possono essere fatali: è uno spirito assassino, ma non le manca la pietà e può essere persuasa a non fare del male e ad andarsene, soprattutto se la sua vittima è un bambino.

La misericordia, le benedizioni e il favore di Jari-Mari vengono invocati quando qualcuno brucia di febbre, soprattutto bambini. (Resta inteso che qualcun altro si esibirà in invocazioni e rituali per conto di chi soffre il tocco focoso di Jari-Mari.) Il nome è un eufemismo per una parola tradotta come “Forza diabolica”.

A volte lei ricorda la sorella dello spirito del vaiolo, Sitala. Anche Jari-Mari vaga per la campagna a cavallo di un asino, ma le loro offerte propiziatorie sono molto diverse. Sitala ha trasceso lo stato di demone della malattia, elargendo doni e benedizioni a coloro che predilige.

Jari-Mari è quasi esclusivamente identificata con la malattia: la sua benedizione è non ucciderti o non causare danni di lunga durata. Se se ne va velocemente senza danni, lei ritiene che le vittime abbiano ricevuto le sue benedizioni e misericordia. È tradizionale, in questa circostanza, indossare o portare talismani in onore di lei come segno di rispetto, gratitudine e riconoscimento.

*Corrispondenze per Jari-Mari*

Manifestazione: Jari-Mari appare come una donna che cavalca un asino, le sue bisacce cariche di malattia. Può camminare attraverso le aree urbane con i suoi piedi, portando una grossa borsa a tracolla o zaino. Senza l’aiuto di un animale da soma, potrebbe essere particolarmente incline a scaricare il contenuto.

Iconografia: non c’è bisogno di portarla a casa tua volentieri. In caso di necessità, una pietra spalmata di pasta a base di polvere di vermiglio e curcuma sostituisce la sua immagine

Altare: gli altari permanenti a Jari-Mari non sono collocati nella casa. Erigerne uno temporaneo dopo il suo arrivo. Gli altari per tenerla lontana se la minaccia è imminente sono posti all’esterno, idealmente sotto alberi di neem o banyan.

Alleato spirituale: Jari-Mari è spesso accompagnato dal demone della febbre, Jvarasura.

Rituale: Jari-Mari è uno spirito furioso e irato. Cantale per calmarla. Le canzoni sono dirette alla persona afflitta, poiché è lì che si trova Jari-Mari. Saprai quando si sarà calmata perché la febbre diminuirà o si interromperà. Se hai picchi di febbre, stai cantando la canzone sbagliata.

Colore: rosso

Albero sacro: Neem

Offerte: fiori rossi, polvere di curcuma, polvere di vermiglio, caramelle e dolci; caramelle alla cannella come Red Hots; sari rosso; tessuto di seta rosso o un altro lussuoso panno cremisi; abiti da sposa (le spose indù indossano tradizionalmente il rosso, non il bianco, che è percepito come un colore di morte e lutto).

Vedi anche: Babalu Aye; Daruma; Mariamman; Sitala

Torna all’ elenco delle divinità induiste per approfondire tutte le altre divinità!

Per non perdere le nostre novità, per qualsiasi informazione e usufruire delle offerte del Lunedi, segui la nostra pagina facebook

Carrello
error: Se apprezzi il mio lavoro, condividi, non copiare. Grazie
Torna su