Kunti

[randomfrase]

kuntiKunti, nota anche come Raja Mata (Madre reale) è un’antica dea della fertilità e della saggezza, sorella del padre di Krishna e  quindi sua zia. Ora è più famosa per essere un personaggio importante nell’epopea, il Mahabharata, ma la sua venerazione potrebbe essere anteriore ai testi vedici.

Nella sua manifestazione più primordiale, incarna il potere generativo femminile nel modo in cui Shiva rappresenta il potere maschile corrispondente. I poteri di Kunti “sono così intensi che la sua sola presenza stimola il concepimento e il parto indolore. Nel Mahabharata, i suoi poteri sono doni dei deva, ma Kunti era una madre autogenerante.

Ha figli in modo partenogenico, non perché la verginità sia spiritualmente superiore, ma poiché il suo potere di fertilità è così forte che non è necessario alcun partner.

Nelle sue prime manifestazioni, Kunti potrebbe essere stata una vergine sfrenata, simile ad Anat: in particolare anche nel Mahabharata, i suoi figli sono nati da molti padri. Secondo il Mahabharata. il suo nome di nascita era Pritha ma è stata data come figlia al re senza figli, Kuntibhoja, di cui porta il nome. Miracolosamente, dopo il suo arrivo a casa sua, il re fu benedetto con la nascita di bambini.

Il re si convinse che era accaduto grazie alla presenza di Kunti; la considerava il suo portafortuna; la trattava come sua figlia ed era molto devoto a lei. Ha vissuto a casa sua fino al matrimonio.

Mentre era ancora una ragazza, ha servito il saggio (rishi) Durvasa quando ha visitato la casa di suo padre. Lo impressionò e lui le insegnò un mantra che le consentiva di chiamare qualsiasi deva e avere un figlio da lui. (Esistono due versioni differenti: o il deva avrebbe fatto l’amore con lei e lei avrebbe miracolosamente, istantaneamente, e senza dolore partorito o  il deva le avrebbe dato solo il bambino: niente sesso, niente gravidanza, solo un bambino.)

Sembra troppo bello per essere vero e Kunti non era sicura di crederci così un giorno lei ha provato la formula, chiamando Surya, il sole. Scese dal cielo e fece amore con lei. (Cioè, a meno che tu non preferisca la versione in cui lui le dà solo il bambino.) Un figlio nacque miracolosamente con indosso orecchini d’oro e una corazza.

Per paura dello scandalo, la giovane Kunti non sposata, mise il bambino in un cestino e lo fece galleggiare lungo il fiume, ancora una volta portando i bambini ai senza figli: un auriga senza figli lo ha trovato e allevò il ragazzo (che alla fine si sarebbe riunito con sua madre).

In una versione, dopo che il mantra ha evocato Surya, Kunti gli spiega rispettosamente che stava solo sperimentando e gli chiede di andarsene. Surya risponde che è costretto a compiere il mantra e un bambino appare miracolosamente.

Kunti è stata data in sposa al principe Pandu che soffriva di un paradosso. Lui era stato maledetto: se avesse fatto sesso con le sue mogli, sarebbe morto eppure voleva dei figli. Kunti ha fornito la soluzione. Proprio come aveva portato i bambini nella casa senza figli del suo padre adottivo, ancora una volta, ha portato figli a chi non ha figli.

Cantando il mantra; ha chiamato tre deva e ha dato alla luce tre figli (e potrebbe anche non avere commesso adulterio a seconda della versione del mito) e dopo aver dato alla luce i suoi figli, ha insegnato il mantra alla sua co-moglie, permettendo anche a lei di avere figli. I tre figli di Kunti sono:

  • Yudishtara (figlio di Yama)
  • Bhima (figlio di Vayu)
  • Arjuna (figlio di Indra)

Quando suo marito morì, la co-moglie lo raggiunse sulla pira funeraria, ma non Kunti, spirito di vita irrefrenabile. È la vedova che non commette sati ma resta in vita e si assume la responsabilità dei bambini.

  • La presenza di Kunti porta i bambini a chi non ha figli. Incorpora le sue immagini in rituali di fertilità e magia o lasciala presiedere a un altare.
  • Kunti è invocata per curare e proteggere la salute e gli organi riproduttivi delle donne
  • Kunti protegge e sponsorizza le donne che sopportano e si prendono cura dei bambini da sole, senza partner maschile

*Corrispondenze per Kunti*

Iconografia: sono disponibili molte immagini tradizionali; lei è un soggetto popolare nelle immagini spirituali indiane, ma di solito è raffigurata sottomessa ai suoi figli o ai loro deva-padri. Per rappresentarla si possono usare anche pietre o amuleti a forma di vulva.

Offerte: fiori; acqua di fonte; candele a forma di vulva

Vedi anche: Hanuman; Indra; Krishna; Sati; Shiva; Yama

Torna all’ elenco delle divinità induiste per approfondire tutte le altre divinità!

Per non perdere le nostre novità, per qualsiasi informazione e usufruire delle offerte del Lunedi, segui la nostra pagina facebook

Carrello
error: Se apprezzi il mio lavoro, condividi, non copiare. Grazie
Torna su