Rakshasa

[randomfrase]

RakshasaRakshasa, i vagabondi della notte, sono un tipo di Ashura, spiriti selvaggi della foresta che si aggrappano alla legge primordiale della giungla piuttosto che alle regole della civiltà e della religione. Inutile dire che, come miti tendono ad essere filtrati attraverso la religione e loro hanno una cattiva reputazione.

Induismo e buddismo spesso li classificano come demoni. Lord Ravana, il cattivo dell’epica Ramavana, è il re dei Rakshasa. Il suo esercito ha combattuto le scimmie di Hanuman.

I rakshasa non sono spiriti banali ma molto potenti, capaci di rianimare i cadaveri abitandoli. Hanno poteri e conoscenze occulti profondi.Sebbene tendano ad essere spiriti ostili, possono teoricamente guarire malattie e conferire fertilità a uomini e donne.

I rakshasa maschi sono spiriti lussuriosi che bramano il sesso con donne umane. Anche loro sono accusati di mangiare persone. Queste storie originariamente avevano lo scopo di diffamare un pantheon precedente e scoraggiarne la venerazione.

*Corrispondenze per Rakshasa*

Manifestazione: sono mutaforma che assumono molte forme. Preferiscono le forme di cani, gufi e avvoltoi. Possono camuffarsi sotto forma di individui specifici. Prendono le forme degli uomini per indurre le mogli a fare sesso con loro. Le caratteristiche identificative tendono ad essere capelli arruffati (segno di ascetismo, possesso spirituale, o alleanza spirituale in India) e gambe multiple. Un Rakshasa potrebbe avere cinque o sei gambe invece delle due o quattro previste.

Iconografia: sono spesso raffigurati con la testa di animali con zanne e corna in cima a un corpo umano panciuto. Hanno bocche eccezionalmente larghe, un sorriso da orecchio a orecchio, per mostrare meglio le loro zanne.

Vedi anche: Ashura; Demone; Hanuman; Kubera; Neko-Mata; Sita

Torna all’ elenco delle divinità induiste per approfondire tutte le altre divinità!

Per non perdere le nostre novità, per qualsiasi informazione e usufruire delle offerte del Lunedi, segui la nostra pagina facebook

Carrello
error: Se apprezzi il mio lavoro, condividi, non copiare. Grazie
Torna su