Rituale per allontanare la disgrazia da una casa

Rituale per allontanare la disgrazia da una casaQuesto rituale per allontanare la disgrazia da una casa è molto semplice, occorrono pochi ingredienti e potrai farlo un qualsiasi Sabato di luna calante.

Elementi necessari: tante candele di colore nero (in cera d’api, puoi trovarle qui) quante sono le stanze della casa, abbondante polvere di lillà, calce o gesso, fiammiferi di legno, una bussola.

Procedimento: la bussola servirà per localizzare i quattro punti cardinali di ogni stanza della casa. Una volta che questi saranno stati individuati  e segnati, con la calce o un pezzo di gesso si traccerà un cerchio all’interno di ciascuna stanza, collocandovi al centro una candela viola spenta.

Rituale: l’officiante si metterà nel punto più basso della casa (in cantina, se questa esiste) e si concentrerà sul lavoro da realizzare, rilassandosi mentalmente e fisicamente fino a raggiungere la massima concentrazione. Una volta sistematosi sopra il segno che indica il nord, e dopo aver raggiunto una concentrazione sufficiente, percorrerà la stanza da nord a sud e da est a ovest, camminando lungo le pareti e lanciando da ciascuna di esse la polvere di lillà verso il centro del cerchio, recitando nel contempo le seguenti parole:

Per mezzo di queste parole faccio in modo che qualsiasi

tipo di disgrazia abbandoni la parete della stanza.

Amen!

Per mezzo di questa polvere concentro tutte le disgrazie all’interno del cerchio.

Amen!

Le polveri di lillà tratterranno le disgrazie

all’interno del cerchio magico senza lasciarle sfuggire.

Così sia!

Questo procedimento dovrà essere ripetuto per ogni locale della casa, sempre partendo dal basso e spostandosi verso l’alto, fino ad arrivare alla soffitta o al solaio (se questi esistono). Una volta che le eventuali disgrazie della casa saranno state “imprigionate” all’interno dei cerchi delle stanze, l’officiante si dirigerà verso il cerchio della prima stanza da cui è partito. Prima di entrare nel cerchio lancerà un po’ di polvere di lillà pronunciando le seguenti parole:

Che il potere conferitemi dalle polveri di lillà

elimini le influenze negative della stanza.

Così sia!

Per mezzo di questa polvere neutralizzo le maledizioni

e le disgrazie di questa stanza.

Amen!

Una volta pronunciate queste parole, le disgrazie non potranno più colpire la persona che effettua il rituale, per cui questa potrà entrare nel cerchio senza alcun problema. Una volta all’interno del cerchio accenderà la candela viola, pronunciando contemporaneamente il seguente scongiuro:

Con il fuoco di questa candela magica

bruciano le disgrazie.

Fuori!

Che le disgrazie che abitano nella casa

si volatizzino nel fuoco della fiamma magica.

Fuori!

Che il fumo della fiamma della candela magica

porti via le disgrazie per sempre

e che mai, mai più

ritornino in questa casa.

Fuori! Fuori!

Fuori!

Questo procedimento dovrà essere ripetuto in ogni stanza, sempre partendo dalla più bassa della cassa per arrivare a quella più alta. Per concludere, si ritornerà nuovamente alla prima stanza e si spegnerà la candela soffiando in direzione nord, procedendo quindi allo stesso modo per tutte le altre stanze e rispettando sempre lo stesso ordine seguito per i precedenti scongiuri. Per il rituale appena descritto si consiglia di scegliere un sabato, possibilmente con la luna in fase calante.

Se vuoi rendere più forte il tuo rituale per allontanare la disgrazia da una casa puoi ungere la candela con questo olio esoterico di protezione!

Per non perdere le nostre novità, qualsiasi informazione e partecipare al consiglio degli Oracoli del Venerdì, segui la nostra pagina facebook

Carrello
Torna su